Per una volta ancora

Tra un assaggio d’inverno e l’altro, ho ben pensato di ritornare all’autunno. Soltanto a piedi e niente sci. La neve discreta è troppo in alto, a quote intermedie solive nemmeno l’ombra. La settimana appena iniziata dovrebbe regalarci dei bei centimetri se non metri (beata speranza) e li tirerò fuori di nuovo soltanto quando ne varrà veramente la pena, ossia tra qualche giorno?

Continua…

You & Me

Correva forse l’estate 1998 o giù di lì. Partivo (un po’ più) giovane e speranzoso per collezionare la cavalcata di quella lunga e rocciosa cresta con più elevazioni. Giunto a tiro dell’ultima sommità prefissata, un fitto nebbione in tutto il suo cinereo splendore mi si parò davanti, dietro, di fianco, ovunque. Sapevo che da lì in poi mi sarebbe toccato il tratto più delicato, con il dubbio di non riuscire a vederlo la mia esperienza (poca) di allora mi indusse ad optare per un saggio dietro front. La cima conclusiva di quello che è sicuramente un interessante crinale alpinistico è rimasta lì. Per quanto tempo ancora mi avrebbe atteso?

Continua…

Mia maa

A m’à ma vegnüü la galitiga! Dövevi propi naa. Una giurnada inscì, anche se la nev l’era pü bèla come domeniga pasada, l’è da incurnisaa! Fursi l’è staia quasi püsee impegnativa la discesa che mia la salida, specialment nal tocc giò in bass, ma tütt va ben pür da mia vess in ufizi. I scarpon növ i tegnan che l’è un piasee, dess vedom se tiri scià anche un altro para da ski. Intant quei che g’ho i van benone, per chel che devi naa a faa. Caro Gesù Bambino… magari se propi te se mia cosa portaa…

NB) Scüsim se ho pena püblicaa l’altar dì, ma da foto interesant come chi d’incöö, ga n’evi propi mia da mett. Dess i ghè! 😉

Continua…