Silenzio supremo

Nessuno. Dico nessuno, tranne i miei amici, avrei oggi incrociato su questa altura. Di sicuro, ne ero certo. Aria di libertà, brezza di isolamento, distaccato dalla convenzionalità. Non che quassù in pieno inverno non salga nessuno; alcuni lo fanno (pochissimi), altri lo fanno verso la fine ma semplicemente non oggi. E perché? Perché… la gamba l’è tacada al pè!

Ombre

Continua…

Farina di marzo

E’ arrivato anche marzo, si sente e si vede. Tra i rami degli alberi di nuovo risiede quella caratteristica vitaliltà allegra, che trasforma il bosco in un luogo meno ovattato di quanto non ci sia apparso per un po’ di tempo. Il sole adesso s’alza di buon mattino ed infiamma l’anima delle vette che noi dal basso scrutiamo, mentre saliamo. La neve delle quote inferiori sta iniziando il suo lento processo di fusione, esili rigagnoli d’acqua ora scorrono liberi entro alcune porzioni di prato e i tetti delle cascine risultano più leggeri.

Simmetria

Continua…